GastroDiritto Fotolia 169233286 S PSOcoa V3

Avv. Marco Garbani

Fatevi sentire alle assemblee!

L’impegno di GastroTicino (e di GastroSuisse) in questo secondo inverno da Covid-19 è stato notevole.

Molte attività preparatorie, organizzative, ecc. manco si vedono perché avvengono dietro le quinte. Al fronte stanno i tentativi di aiutare i soci grazie al terreno predisposto prima: i soci con le loro richieste, le loro preoccupazioni e i loro problemi. A volte, complice un incerto futuro, si è teso persino dare colpe all’Associazione per (presunti) mancati interventi. Interventi che però spesso ci sono stati ma che non sono stati ascoltati, o solo in parte. Per esempio quello sulle percentuali a fondo perso e le sue estensioni: mica erano così scontate all’inizio, anche alla luce della legge sulle epidemie che escludeva (ed esclude tutt’ora) risarcimenti per le chiusure ordinate! Diversi sono stati i suggerimenti in queste settimane epidemiche. Qualche critica costruttiva (che è sempre bene accetta) è stata bene recepita. Eh sì, perché una critica se vuole portare qualcosa dovrebbe avere il pregio di dare un input in più. In questo contesto, per il futuro, l’importanza delle assemblee sezionali è fondamentale, come pure l’esercizio del diritto di ogni socio di proporre modifiche, migliorie, accorgimenti, ecc. Critiche su decisioni prese dagli organi di un’associazione (qualunque essa sia)? L’assemblea è il luogo giusto, sia a norma di codice civile che di statuti. L’invito è quindi di partecipare ed esprimere le opinioni ed eventuali ringraziamenti in questa opportuna sede. Perché i soci hanno questo diritto.